Come proteggere la testa e il viso? Quale DPI utilizzare?

La testa è una delle parti più delicate e fragile del corpo umano.
Diversi fattori fisici esterni possono danneggiare non solo la pelle e le ossa, ma anche e soprattutto il cervello con le sue funzioni vitali. La testa è esposta a diversi rischi che possiamo suddividere in cinque gruppi:

  1. Rischi Meccanici (caduta di oggetti, carichi sospesi, urti)
  2. Rischi Chimici (spruzzi di liquidi chimici)
  3. Rischi Termici (spruzzi di metallo fuso, scintille, radiazioni termiche, liquidi caldi, condizioni atmosferiche)
  4. Rischi Ottici (radiazioni UV)
  5. Rishi Elettrici (archi voltaici di disturbo)

Come proteggere la testa sul lavoro per proteggerci da questi rischi, che possono causare anche danni permanenti? possiamo utilizzare diverse tipologie di DPI per la testa e per il viso.

La scelta dei DPI per la testa deve essere valutata sulla base dell’attività lavorativa da svolgere.

Qualora un dispositivo di protezione della testa fosse scelto sulla base di rischi non valutati correttamente o venisse impiegato non seguendo le indicazioni del fabbricante e delle marcature, il suo utilizzo risulterebbe vano.

Colui che ha il compito di procedere alla valutazione dei rischi è il datore di lavoro, che deve allora attuare delle misure di sicurezza necessarie a eliminarli o almeno ad attenuarli. Nel caso in cui questo non fosse possibile o non sufficiente, si rende obbligatorio l’utilizzo di elmetti di protezione e caschetti per il lavoro.

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

Le protezioni per la testa devono essere rispondenti alle seguenti norme:

  • EN 397 Elmetti di protezione nell’industria
  • EN 14052 Elmetti ad elevate prestazioni per l‘industria
  • EN 443 Elmi per la lotta contro l’incendio in edifici e in altre strutture
  • EN 812 Copricapo antiurto per l’industria
  • EN 12492 Caschi per alpinisti

TIPOLOGIE DI DPI: CASCHI DI PROTEZIONE

Caschi di protezione

Esistono tre diversi tipi di casco:

  • dritto (1)
  • dritto con gocciolatoio (2)
  • dritto con proteggi nuca ribassato e gocciolatoio (3)

I caschi di protezione sono realizzati in termoplastica o in plastica termoindurente, e ognuno di essi possiede diverse proprietà e campi d’applicazione nell’edilizia, nell’industria, in ambienti di lavoro con temperature elevate e nell’elettrotecnica.

Informazioni più dettagliate sono disponibili sull’etichettatura del casco.

Immagine tratta dal Catalogo Hoffmann Italia

Tipologie di materiale dei caschi di protezione:

Immagine tratta dal Catalogo Hoffmann Italia

Etichettatura dei caschi di protezione:

Immagine tratta dal Catalogo Hoffmann Italia
  1. Sigla “CE”
  2. Numero d’identificazione a 4 cifre dell’organismo notificato
  3. Identificazione del produttore
  4. Anno e trimestre di produzione
  5. Denominazione del tipo del produttore
  6. Normativa applicata
  7. Materiale utilizzato per il casco
  8. Dimensioni o gamma di dimensioni in cm
  9. Ulteriore etichettatura secondo DIN EN 397
  • LD (Lateral Deformation – deformazione laterale): pericolo causato da carico laterale
  • MM (Molten Metal – metallo fuso): pericolo causato da spruzzi di metallo fuso
  • 440 V AC pericolo causato da un breve contatto accidentale con la tensione alternata fino a 440 V
  • + 150 °C impiego con temperature molto elevate
  • −20 °C o −30 °C impiego con temperature molto basse

TIPOLOGIE DI DPI: PROTEZIONE PER IL VISO

Le protezioni per il viso sono particolarmente importanti nel caso in cui durante il lavoro si entri in contatto con veloci particelle volanti, schizzi di metallo, prodotti chimici o archi voltaici di disturbo.

Questi dispositivi sono composti da una visiera di protezione trasparente che si può fissare direttamente ad un casco o ad un altro supporto per la testa.

TIPOLOGIE DI DPI: BERRETTI ANTIURTO

La forma dei berretti antiurto si ispira ai cappellini da baseball. Con il loro inserto in plastica offrono una leggera protezione per la testa, ad esempio contro oggetti appuntiti inanimati. Non devono essere impiegati al posto dei caschi protettivi industriali.

TIPOLOGIE DI DPI: MASCHERE PER SALDATURE

La saldatura comporta dei rischi che includono temperature molto elevate dalle quali i dipendenti devono proteggersi.
La maschera da saldatura protegge interamente la testa e il viso dalle radiazioni, dal calore e dalle scintille. Grazie alla visiera integrata con filtro per saldatura, il lavoratore può vedere la propria postazione di lavoro. Le moderne maschere automatiche da saldatore sono dotate anche di diversi livelli di oscurità, che permettono di eseguire diversi tipi di saldatura. Sotto la maschera possono essere indossati berretti o cuffie in cotone ignifugo.

COME SCEGLIERE IL DPI PER LA TESTA

I DPI vanno scelti in base ai pericoli che possono presentarsi sul luogo di lavoro, tenendo conto che devono essere comodi e facili da usare senza dare fastidio o limitare troppo la persona che lavora.

Altri importanti criteri per un’efficace protezione della testa:

  • resistenza alla perforazione
  • assorbimento d’urto
  • regolazione del sottogola (se disponibile) per una tenuta sicura del casco
  • comfort: adattabilità del dispositivo di protezione alle dimensioni del capo, peso ridotto, protezione da pioggia e umidità.

VUOI ACQUISTARE DPI PER LA PROTEZIONE DELLA TESTA E DEL VISO?

Vuoi acquistare un casco di protezione o un altro DPI? Visita il nostro shop https://cmgcube.it/categoria-prodotto/dpi/protezione-testa-e-viso/